tempio-di-garni

tempio-di-garni

Tempio di Garni

Garni 2215, Armenia

by Lara Kipling
108

Overview

Il tempio fu edificato nel I secolo d.C. dal re Tiridate I di Armenia e la costruzione fu finanziata grazie al denaro che il re armeno ricevette dall'imperatore Nerone durante la sua visita a Roma. Il tempio era dedicato al dio Mitra. La copertura dell'edificio è sorretta da 24 colonne di ordine ionico. Diversamente da altri templi greco-romani, quello di Garni presenta un basamento di basalto. . Distrutto da un terremoto nel XVII secolo, è stato ricostruito nel 1979 con i materiali originari, che contrariamente a quanto è spesso avvenuto a Roma, non sono stati utilizzati per costruire altri edifici, ma sono stati lasciati abbandonati dove si trovavano. i particolare interesse sono le terme, situate nella parte settentrionale del sito, che presentano una cella di riscaldamento ancora ben conservata. Il pavimento interno del bagno è decorato con mosaici ispirati a figure della mitologia greca, tra le quali spicca Teti, stato fatto con pietre naturali di 15 colori diversi.. Una delle iscrizioni in greca recita: «Abbiamo lavorato senza di ricevere niente». Tempio di GarniDopo la conversione degli armeni al Cristianesimo, alcune chiese e il palazzo di un katholikos furono costruiti entro i confini della fortezza: anche di questi edifici, come tutti gli altri (fatta eccezione per il tempio), rimangono solo alcune rovine. Nel IV sec quando l’Armenia fu convertita al Cristianesimo i re del paese fecero del tempio di Garni la loro residenza estiva dove in seguito il re Khosrov andava a caccia. Il palazzo di un katholikos fu costruiti entro i confini della fortezza. Accanto al tempio ci sono le rovine e la base di una chiesa cristiana del VII secolo, distrutta da un terremoto nel XVII sec., che era molto più alta del tempio pagano. Questo tempio e` una meraviglia fra i templi d’Oriente. La sua unicità risiede nel fatto che è l’unico esempio dell’ Architettura Ellenistica nel territorio dell’Armenia Attuale e del Caucaso.Il fantastico paesaggio della gola di Garni colpisce l’immaginazione. Al di fuori della zona fortificata si trovano altri luoghi di culto: una chiesa dedicata a Maria, un'altra dedicata a San Mashtots, oltre alle rovine del monsatero di Havuts Tar.