isolotto-di-punta-pennata-un-angolo-di-paradiso

isolotto-di-punta-pennata-un-angolo-di-paradiso

Isolotto di Punta Pennata: un angolo di paradiso

Isola Pennata, Italia

by Sofie Dequenne
175

Overview

Un vero e proprio paradiso dei Campi Flegrei. L’importanza di questa ricchezza naturale è ravvisabile non soltanto nella sua estetica, incantevole e magica, ma anche nella sua storia. Si sa, infatti, che i Campi Flegrei sono un covo di ritrovamenti archeologici e frammenti di antichità che ci fanno ricordare da dove proveniamo. L’isolotto ha origini antichissime, già nel IV secolo D.C. l’imperatore Costantino ne parlava in un documento. Inoltre, qui sono stati rintracciati vari reperti che testimonierebbero la presenza di un complesso residenziale: Villa Lucullo, un meraviglioso complesso che un tempo appartenne a Lucio Lucullo. È proprio qui che Tiberio Claudio decise di stare durante i suoi ultimi giorni di vita. Della villa, Fedro scrisse: “Quae monte summo posita Luculli manu prospectat Siculum et prospicit Tuscum mare…” – “ Posta sull’alto del colle dalla mano di Lucullo, affacciata da un lato sulla Sicilia e dall’altro sul mare Tirreno”. Nel 1921, invece, sono stati scoperti 22 frammenti di sculture che sono stati conservati al Museo Nazionale di Napoli. L’isolotto è situato nelle acque che bagnano una delle spiagge più graziose e tranquille della Campania: lo Schiacchetiello. Una piccola insenatura tra gli scogli di tufo, che fa parte della Riserva marina del parco regionale dei Campi Flegrei. Qui è possibile passare del tempo in totale relax, soprattutto se non siete amanti della folla! Il nome "Pennata" è già ricorrente in un documento dell'Imperatore Costantino del IV sec. d.C.