1
0 %
Italiano
Inglese
Tedesco
1
Seleziona un'area di ricerca oppure inserisci una parola chiave
Filtra i contenuti per tipologia o categoria
Centro dell area di ricerca Effettua la tua prima ricerca per visualizzare questo dato
Raggio dell'area di ricerca Effettua la tua prima ricerca per visualizzare questo dato
Numero di contenuti e di categorie
Annulla
Reset
Around You
Seleziona
Deseleleziona
159 results in 17 categories
    Toggle Info

    Harding Michelle

    Oxford, Regno Unito

    24

    Apr

    2017

    SHARE

    Castello Aragonese

    87012 Castrovillari CS, Italia - 0.67 Km
    Nessuna immagine da visualizzare

    Esempio di architettura militare attribuita a Francesco Giorgio Martini. Le due fasi della costruzione del Castello, quella che risale agli anni precedenti al 1478, e l'altra portata avanti dopo tale data, sono conglobate in una grande massiccia costruzione. All'interno esso si presenta in forma di rettangolo, ma esternamente acquista una forma trapezoidale ai cui vertici si trovano le quattro torri angolari, cilindriche e tutte diverse nelle loro proporzioni. Per tale motivo all'esterno è anche diversa la lunghezza dei diversi tratti della cortina che variano notevolmente. La cortina, che aveva in origine piccole e rade aperture e, come del resto ha tuttora, un unico ingresso, munito una volta di ponte levatoio, affondava le sue radici in un vallo più o meno profondo, a seconda delle accidentalità del terreno. Essa è uniforme in tutto il suo sviluppo, e sola sua nota saliente è il potente cingolo in conci di pietra che, a circa metà altezza ne interrompe la scabra nudità, (…). Con la uniformità della cortina contrasta la varietà delle quattro torri angolari, uguali in qualche piccolo particolare, ma diverse nelle proporzioni e nel loro aspetto. Orientate verso i punti cardinali, esse sono tutte nella parte inferiore, sotto il cingolo in pietra che le taglia trasversalmente circa a metà, inclinate a scarpa, e in altezza raggiungono - tranne nel lato di nord-ovest più alto - quella di cortina. La torre meridionale che limita il prospetto del castello da questo lato ed è coperta da un tetto conico, è la terza in ordine di grandezza, ma appare la più massiccia di tutte per il maggior interramento verificatosi della sua base. Sulla sua diagonale è posta la torre immediatamente più grande, quella che si presenta nettamente dominante per essere imbasata su un rivellino concentrico, il quale, a sua volta, sprofonda le sue strutture sulla scarpata dirupata della profonda valle del Fiumicello. La torre ha attualmente una copertura a terrazza che è nascosta alla vista esterna da un alto parapetto. Sistemazione recente, ma che ha mozzato la torre, privandola della sua parte terminale che è difficile poter definire esattamente (…). La maggiore di tutte, pur presentando lo stesso andamento delle altre esaminate, si distingue per il fatto di chiudersi all'interno, fin dalla base in perfetta forma cilindrica, per le sue proporzioni, per il dato, di origine forse recente, ma tanto romantico, di spuntare da un piccolo e concluso orto, per essere vista dalla valle del Fiumicello e notata per la elegante corona di mensole ed archetti leggermente acuti su cui è impiantato un tratto di muro pieno (…). Non meno interessante appare la più piccola delle torri, che diametralmente opposta alla maggiore (…) [e che] si presenta a guisa di una piramide tronca, a dodici lati, nella quale, però i lati sono appena accennati, ma pienamente percettibili alla luce del sole. (…)"38. (Gruppo Folkroristico città di Castrovillari)

    Dai voce alla tua opinione! Vota questo contenuto.
    Sposta il mouse sulle stelle e clicca per votare
    1
    1 1 1
    1 1 1
    1