1
0 %
Italiano
Inglese
Tedesco
1
Seleziona un'area di ricerca oppure inserisci una parola chiave
Filtra i contenuti per tipologia o categoria
Centro dell area di ricerca Effettua la tua prima ricerca per visualizzare questo dato
Raggio dell'area di ricerca Effettua la tua prima ricerca per visualizzare questo dato
Numero di contenuti e di categorie
Annulla
Reset
Around You
Seleziona
Deseleleziona
159 results in 17 categories
    Toggle Info

    Taddei Serena

    Seattle, Washington, Stati Uniti

    04

    May

    2018

    SHARE

    Castello di Civitacampomarano

    Via Vincenzo Cuoco, 86030 Civitacampomarano CB, Italia - 0.67 Km
    Nessuna immagine da visualizzare

    Il Castello si erge maestoso nella parte alta del paese di Civitacampomarano, su una collina di arenaria già in precedenza occupata da un insediamento sannitico. Il nome del castello e del paese rimanda forse all’esistenza di proprietà terriere di epoca romana (Campus Maurunus). I primi resti permettono di risalire a una prima costruzione di epoca normanna (XII secolo), ma è nel XV secolo che si delineò la pianta definitiva dell’imponente fortezza militare: una cinta muraria di forma quadrangolare con tre torrioni cilindrici merlati. Ogni torre è caratterizzata all’esterno da feritoie e da archetti pensili sorretti da mensole in pietra. La cinta muraria era munita di un camminamento di ronda e alloggiamenti per archibugi e cannoni.Il castello di Civitacampomarano fu al centro di uno degli episodi di tradimento più clamorosi durante i conflitti fra Angioini e Aragonesi per la conquista del Regno di Napoli, consumato durante uno degli scontri fra le due fazioni nella Piana di Sessano nel 1442: per le sorti della battaglia infatti fu determinante la decisione del capitano di ventura Paolo di Sangro, al soldo degli Angioini, che nel momento cruciale passò con i suoi uomini dalla parte degli Aragonesi al grido: “Aragona, Aragona!”. Per il suo tradimento Paolo ottenne come ricompensa diverse proprietà, tra cui quella di Civitacampomarano.Pochi anni più tardi nel castello fu firmato il contratto di matrimonio tra Cola Monforte e Altabella Di Sangro, figlia di Paolo. E sempre qui vissero Cola di Monforte e Antonella di Sangro, quest’ultima passata alla storia per i suoi numerosi tradimenti, specie quando il marito, conte di Campobasso, iniziò a cadere in disgrazia. Nel 1795 una rivolta popolare impose ai Mirelli, signori dell’epoca, il riempimento del fossato nord e la costruzione di una strada di collegamento tra le due ali del paese, fino ad allora disgiunte dalla presenza del Castello. Ai Mirelli succedettero diversi proprietari; nel 1979 l’ultima proprietaria vendette il Castello alla Soprintendenza per i Beni Architettonici del Molise. Oggi Civitacampomarano appare come uno dei castelli più suggestivi della regione. Il monumento infatti mantiene pressoché integra la sua antica architettura, nonostante il trascorrere della storia e i terremoti che in passato hanno causato smottamenti e crolli. Da qualunque parte lo si guardi l’edificio stupisce per la sua mole e l’audacia architettonica. L’ingresso principale avviene tramite uno scalone e un notevole portale d’ingresso dal bell’arco ribassato tipico dello stile catalano-aragonese del XV secolo. Sopra la chiave di volta si conservano due stemmi: quello superiore è della famiglia Carafa della Spina; quello inferiore è di Paolo di Sangro: si tratta di uno scudo gotico a sette bande in oro e azzurro con elmo sul cimiero, unito a quello dei Monforte, rappresentato dalle due rosette poste accanto allo scudo. Questa fusione rappresenta l’unione delle due famiglie. Lo stemma è poi sormontato da un drago che ha sotto le zampe due gigli capovolti, testimonianza allegorica del tradimento delle due famiglie nei confronti degli Angioini in favore dell’alleanza con gli Aragonesi. Al di sopra dell’arco si notano ancora due incassi rettangolari che servivano allo scorrimento delle catene del ponte levatoio, oggi non più conservato. Nel cortile interno si conserva la graziosa fontana c.d. “sannita” formata da una scultura con quattro figure antropomorfe, qui collocata dagli ultimi proprietari in epoca moderna. Poco lontano si trova un pozzo per la raccolta dell’acqua piovana, collegato a una cisterna della capacità di 120000 litri che in passato approvvigionava tutto il paese. Una piccola scalinata scoperta conduce al primo piano con le sale nobili e ambienti di servizio che in parte mantengono la decorazione pittorica. Nei piani inferiori trovavano posto le scuderie, i magazzini, il granaio e da qui si aveva accesso alle torri e ai cammini di ronda. Sotto la torre maggiore una scalinata interna portava al fossato e alle prigioni. Nel corso dei secoli il monumento ha subito diversi interventi: il riempimento del fossato, il crollo di parte del lato settentrionale, le modifiche agli spazi interni; ciononostante mantiene intatto il suo fascino di “antico gigante” in perfetta armonia con il centro storico e il paesaggio circostante.

    Dai voce alla tua opinione! Vota questo contenuto.
    Sposta il mouse sulle stelle e clicca per votare
    1
    1 1 1
    1 1 1
    1