anghiari-secret-world

anghiari-secret-world

Anghiari - Secret World

Anghiari AR, Italia

by Lara Kipling
146

Overview

Se è già bello osservarlo dalla pianura, ancor più affascinante è il girovagare per l'antico borgo con le sue pittoresche case in pietra, i vicoli, le scale, le suggestive piazzette, testimonianze di valori storici tramandati attraverso i secoli. Di certo fu durante il Medio Evo che Anghiari assunse la massima importanza soprattutto per l'evidente posizione strategica: si trova nominato per la prima volta in una pergamena del 1048, conservata nell'archivio di Città di Castello, anche se iprimi insediamenti furono in epoca romana.Panorama di Anghiari dall Dominio dei Signori di Galbino prima e dei Camaldolesi poi, il paese vide uno dei momenti più importanti della sua storia nella Battaglia di Anghiari che, il 29 giugno 1440, segnò la vittoria delle truppe fiorentine alleate con il papa sull'esercito milanese. L' importante evento fu commentato da Machiavelli e celebrato con un affresco in Palazzo Vecchio da Leonardo. Da visitare, ad Anghiari, è il Palazzo Taglieschi con il suo Museo Statale delle Arti e Tradizioni Popolari, dove sono conservati affreschi, dipinti, sculture lignee policrome (notevole è una Vergine di Jacopo della Quercia) , pregevoli terrecotte invetriate, statuette devozionali, arredi sacri di varie epoche, strumenti ed armi che testimoniano sin dal passato l'abilità degli artigiani locali. Proprio questi artigiani tramandano tutt'oggi una vivissima tradizione nelle arti del ferro e del legno che li spinge ad organizzare annualmente la Mostra Mercato dell'Artigianato della Valtiberina Toscana. La manifestazione, che si svolge ogni anno tra la fine di aprile e gli inizi di maggio, ode di grande Un borgo di Anghiaririsonanza, anche per il legame profondo che unisce questa qualificata rassegna alle botteghe di un centro storico tra i più pregevoli dell'Italia centrale, esaltandone ulteriormente la scoperta : il visitatore rimarrà affascinato girovagando per un paese che da subito appare misurato su ritmi lontani da quelli di un raccordo anulare o di una tangenziale, dove basta allontanarsi pochi passi dal centro per ritrovarsi nella pace di silenziosi sentieri immersi nel verde dei campi o nel colore argenteo degli oliveti. In tutta Italia e all'estero Anghiari è conosciuto come polo per l'arte del restauro del mobile antico, con antiquari ed esperti restauratori legati alla storia del locale Istituto d'Arte, una scuola impareggiabile che sta lavorando per allestire il futuro Corso Superiore per l'Arte del Restauro e dotarsi, con la ristrut­turazione di Palazzo Testi, di un convitto per ospitare studenti da tutto il mondo. Non dimentichiamo che altrettanto invitanti ad Anghiari sono i sapori della cucina, con le portate tipicamente toscane servite talvolta all'interno di suggestivi ambienti antichi. A ciò si aggiunga la magica atmosfera delle serate conviviali, delle cene organizzate davanti al sagrato di una pieve romanica o all'uscio di qualche casa nel vecchio borgo, dei canti popolari e del teatro, in uno straordinario vortice di frasi sussurrate e di serenate, di pietre scalpellate e martelli, il cui rintocco esce dalle botteghe artigiane poste lungo la ripida discesa.