larino-e-gli-scavi-romani

larino-e-gli-scavi-romani

Larino e gli scavi romani

86035 Larino CB, Italia

by Lara Kipling
119

Overview

Fu prima importantissimo presidio sannita e poi municipio romano; evidenti testimonianze di questo passato sono presenti sul territorio. Nel periodo longobardo fu capoluogo di una delle contee, facenti parte del Ducato di Benevento, successivamente fece parte della contea di Loritello. Il centro abitato antico, come comprovano i resti archeologici, era situato nella parte alta del territorio, proprio lì dove sta espandendosi la nuova città. Con l'avvento dei saraceni e le loro distruzioni e le vicende sismiche la popolazione fu indotta ad abbandonare gradualmente il vecchio sito per spostarsi più a valle, dove riteneva di avere maggiore garanzia per la difesa. Dei resti antichi c'è l'anfiteatro, di grandezza media, di forma ellittica, con quattro accessi che consentivano il raggiungimento dei diversi ordini delle gradinate. Tra gli edifici più importanti del vecchio centro abitato troviamo la Cattedrale, costruita nel XII secolo che presenta, su un impianto tipicamente romanico, le avvisaglie dello stile gotico, riscontrabili soprattutto nell utilizzo dell'arco ogivale. Sicuramente del periodo rinascimentale è la Cappella dell'Annunziata con l'arcata definita da due paraste ornate con bassorilievi all'interno della quale, un tempo, era inserito l'altare. L'attiguo campanile, costruito nel 1451 ad opera del maestro Giovanni di Casalbore, si erge poderoso su un arco a sesto acuto. Nei pressi del Duomo si trova la Chiesa di San Francesco, costruita agli inizi del XIV secolo dopo che papa Clemente V permise ai Francescani di edificare a Larino un monastero. La Chiesa fu trasformata nel XVIII secolo in stile barocco sull'impianto originario. Il Palazzo ducale, di stile rinascimentale, è stato costruito su un impianto medievale. Nell'interno del Palazzo ducale ha preso posto il museo civico che raccoglie tutti i reperti più interessanti rinvenuti nel territorio, come i preziosi mosaici policromi e una piccola collezione di epigrafi.