prosciutto-di-san-daniele

prosciutto-di-san-daniele

Prosciutto di san Daniele

33038 San Daniele del Friuli UD, Italia

by Lara Kipling
108

Overview

La lavorazione del prosciutto di San Daniele richiede numerosi e delicati passaggi ancora eseguiti secondo l'antica tradizione artigianale. Il vero segreto della lavorazione è però il microclima del Sandanielese, dato dall'incontro delle correnti fresche provenienti dalle Alpi con le correnti umide dell'Adriatico; la natura morenica del terreno favorisce la ventilazione influendo sulla percentuale di umidità e garantendo così l'equilibrio ottimale per la stagionatura. La produzione parte dalla scelta dei maiali, rigorosamente italiani, seguiti durante tutta la loro crescita ed alimentati in modo controllato. In seguito si selezionano le cosce migliori, del peso di almeno 12 kg. Il peso è molto importante poiché determina la durata della fase di salatura, effettuata con sale marino a grana media: questo provoca lo spurgamento dell'umidità dal prosciutto, che così acquisisce il suo tipico gusto. Dopo il controllo preliminare di conformità sulle cosce viene apposto il contrassegno D.O.T. e la data dell'inizio della lavorazione. A seguire le cosce vengono ricoperte con sale marino e rimangono sotto sale per un numero di giorni pari al loro peso. La fase successiva è la pressatura, che ha lo scopo di far penetrare in profondità il sale e di dare alla carne una consistenza ottimale per la successiva stagionatura. Si procede quindi con la pre-stagionatura, durante la quale i prosciutti riposano per tre mesi. Al termine del periodo si lavano le cosce per poi appenderle nei saloni per almeno altri otto mesi di stagionatura; nel frattempo i prosciutti vengono "stuccati", ovvero ricoperti con un impasto bianco di farina e grasso di maiale, che impedisce alla carne scoperta dalla cotenna di seccarsi troppo rapidamente. Al compimento del tredicesimo mese dall’inizio della lavorazione l’Istituto di certificazione, INEQ, esegue i controlli finali. I prosciutti rispondenti a tutti i requisiti del Disciplinare di Produzione sono certificati e su di essi è impresso a fuoco il marchio del Consorzio.