chiesa-di-san-maurizio-al-monastero-maggiore

chiesa-di-san-maurizio-al-monastero-maggiore

Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore

Corso Magenta, 15, 20123 Milano, Italia

by Lara Kipling
124

Overview

La facciata esterna, rivestita di pietra grigia, non ha nulla di particolarmente rilevante. Ma appena entrati si capisce subito perché sia stata chiamata Cappella Sistina di Milano. Qui infatti è presente una quantità impressionante di affreschi, come in poche altre chiese d'Italia. L'imponente decorazione ad affresco, che rese celebre il tempio fu iniziata nel Cinquecento da autori della scuola di Leonardo da Vinci. La commissione fu affidata all'artista maggiormente apprezzato dall'aristocrazia milanese del tempo, Bernardino Luini. La chiesa, costruita all'interno dell'importante Monastero Maggiore delle Benedettine, è opera di Gian Giacomo Dolcebuono. Viene edificata nel 1503 sulle rovine di un'antica chiesa annessa al monastero, demolito nel 1799. La facciata è rivestita con pietra grigia e contrasta con la decorazione interna ricca di ori e affreschi. L'interno è diviso da un tramezzo in due vani di uguali dimensioni: uno destinato a chiesa pubblica, l'altro a coro delle monache. Una ricca decorazione pittorica copre integralmente l’articolata struttura architettonica: si tratta della testimonianza più organica di settant'anni cruciali di pittura a Milano, dagli anni Dieci del Cinquecento alla fine del secolo. Nel coro si trovano dipinti del Bergognone, mentre nelle cappelle sono conservati affreschi del Lomazzo e dipinti di Antonio Campi. Nella terza cappella a destra sono le celebri pitture di Bernardino Luini, portate a termine dai figli Aurelio e Giovan Piero Luini. A Simone Peterzano si deve invece la decorazione della facciata interna della chiesa.