in-vedetta-o-il-muro-bianco

in-vedetta-o-il-muro-bianco

In vedetta o Il muro bianco

36078 Valdagno VI, Italia

by Lara Kipling
118

Overview

Viene rappresentata una scena di vita militare in cui due soldati effettuano la ronda di vigilanza. La scena si svolge nel momento culminante della giornata in cui non vi è ombra e si avverte chiaramente il senso di caldo e afa. I colori principali sono tre:il nero, il bianco e l'azzurro in varie gradazioni. Si tratta di un quadro di piccole dimensioni, che offre uno scenario di alcuni soldati costretti a soffrire, visti come vittime in un paesaggio desolato, dominato da un'intensa luminosità. Il senso della prospettiva è dato dalla parete sulla destra, la cui perfetta geometria interrompe con un taglio netto la linea dell'orizzonte, dove l'ocra della brulla pianura si confonde con l'azzurro violaceo del cielo. Le figure del soldato e del cavallo in primo piano si stagliano con forza sullo sfondo bianco-giallastro del muro calcinato dal sole. Gli altri due cavalieri in lontananza equilibrano compositivamente il dipinto, quasi proseguendo idealmente la prospettiva della parete. Le ombre create dalla fonte luminosa ci fanno pensare che la scena si svolga in una afosa giornata d'estate, immobile e sonnolenta che ferma anche le attività degli uomini. Vi è la presenza di forti contrasti chiaroscurali: i berretti bianchi che fanno contrasto con le giubbe nere e il cielo di colore blu intenso, e le vesti e i cavalli neri che contrastano con il suolo e il muricciolo. In questo quadro si può percepire un nuovo rapporto fra uomo e natura, non più romantico ma realista. La figura umana, infatti, è immersa nel paesaggio senza esserne protagonista, senza prevalere cioè sulla natura.