Unesco: Miagao Church... - Secret World

Zulueta Ave, Miagao, 5023 Iloilo, Filippine
5 views

Melania Biden

Description

Ci sono molti importanti siti architettonici e storici nelle Filippine che risalgono ai quattro secoli di occupazione spagnola. La loro influenza si trova in molte aree, comprese le chiese barocche, di cui la Chiesa di Miagao è un esempio superbo. Insieme ad altre chiese simili, questa ha ottenuto lo status di patrimonio mondiale dell'UNESCO con il titolo di The Baroque Churches of the Philippines. La Chiesa di Miagao fu fondata non molto tempo dopo la colonizzazione spagnola della zona nel 1580. Inizialmente era servita da un prete in visita, ma negli anni 1730 divenne una parrocchia separata sotto la giurisdizione dell'Ordine Agostiniano, dedicata a San Tommaso di Villanova. Il primo parroco a tempo pieno fu padre Fernando Camporredondo. Più tardi fu costruito un convento vicino alla chiesa. Quando le invasioni Moro divennero più frequenti, la chiesa e i suoi membri furono in pericolo. Questi predoni musulmani del sud delle Filippine uccidevano o schiavizzavano qualsiasi cristiano che trovavano. Le incursioni erano così feroci che la città fu costretta a trasferirsi. Una nuova chiesa fu iniziata nel 1787 da operai coscritti nel progetto dagli spagnoli. La nuova struttura, che richiese 10 anni per essere completata, fu costruita su una collina che dominava la città e spesso fungeva da fortezza quando la città veniva attaccata. La leggenda locale dice che ci sono passaggi segreti nella chiesa. Alla fine del diciottesimo e all'inizio del diciannovesimo secolo, la città era spesso presa di mira dai razziatori. La chiesa era sia un luogo di culto, ma anche una fortezza - non insolito a quel tempo in questa parte delle Filippine. La chiesa fu gravemente danneggiata durante la rivoluzione del 1898 e dovette essere ricostruita. Fu anche danneggiata da un incendio durante la seconda guerra mondiale. La chiesa attuale è la terza ad essere stata costruita sul sito ed è fedele al progetto originale. È stata restaurata negli anni '60 ed è stata dichiarata santuario nazionale dal governo filippino. La chiesa è stata costruita in un successivo stile barocco con elementi di romanico e il colore giallo-marrone o ocra è il risultato dell'adobe, del corallo e della pietra calcarea usati nella sua costruzione. I muri della chiesa sono spessi 4,5 piedi (1,4 m) e si crede che le sue fondamenta siano profonde 18 piedi (5,4 m), che fornivano solide fondamenta e protezione per la popolazione locale durante le incursioni e le invasioni. La facciata della chiesa è ornata, tipica dello stile barocco, e dominata da un rilievo di una palma che simboleggia l'albero della vita. Un massiccio bassorilievo sulla facciata di San Tommaso Villanova contiene elementi spagnoli, arabi, cinesi e della cultura locale, il che lo rende in qualche modo insolito e unicamente filippino. Il santo patrono stesso ha il posto d'onore sopra l'entrata principale della chiesa, mentre alcune delle caratteristiche narrano la vita ordinaria della gente locale. La chiesa è affiancata da due campanili,