miniere-di-sale-di-wieliczka

miniere-di-sale-di-wieliczka

Miniere di sale di Wieliczka

Wieliczka, Polonia

by Lara Kipling
121

Overview

La miniera di sale di Wieliczka è stata iscritta nella lista UNESCO nel 1978. Nel Medioevo questo luogo veniva chiamato Magnum Sal (“Il Grande Sale”). Un tempo questo minerale nascosto nel sottosuolo aveva un valore inestimabile ed era grazie al commercio del sale che numerose famiglie di commercianti e nobili polacchi avevano acquisito la loro ricchezza. A partire dal XIII secolo la miniera venne sistematicamente ingrandita: nuove grotte, sculture, laghetti, cappelle. Fino alla prima spartizione della Polonia (1772), la miniera di Wieliczka insieme alla vicina miniera di Bochnia, costituiva la più grande impresa industriale della Polonia: le “Saline di Cracovia” (?upy Krakowskie). Sfruttati per 750 anni, i giacimenti di Wieliczka sono unici. La miniera si estende su nove livelli, dei quali il più profondo si trova a 327 m sotto il suolo della terra. La rete delle gallerie è attualmente lunga più o meno 300 km. Le 3000 grotte raggiungono anche i 327 m di profondità. La miniera comprende più di 200 km di corridoi e 2040 locali per il volume complessivo di 7,5 milioni di m³. Sotto terra si trovano chiese e cappelle, delle quali la più spettacolare è sicuramente quella dedicata a Santa Kinga (Cunegonda) di Polonia; la cappella può ospitare fino a 500 persone e tutti gli elementi dell'arredo interno sono realizzati in sale. Di inestimabile valore è anche la collezione di strumenti minerari, carrelli, macchinari, utensili e meccanismi di trasmissione a trazione animale, raccolti nel Museo delle Saline Cracoviane. Ad una profondità di 135 m, nella grotta del lago Wessel, si trova anche un Centro di Cura e Riabilitazione, destinato a persone con problemi di allergia e di malattie delle vie respiratorie. La Miniera di Sale di Wieliczka si trova a circa 12 km da Cracovia: gli autobus partono ogni 15 minuti dalla Stazione Centrale. Visitare queste Miniere in significa davvero viaggiare in un mondo fantastico. Il percorso prende l’inizio nel Pozzo Dani?owicz dove i turisti incontrano la loro guida che durante il viaggio svela i segreti della Miniera e racconta diverse storie sulle forze di natura sotterranea e sul lavoro duro dei minatori che da generazioni sono legati alla miniera di Wieliczka. Scendendo sempre più in giù i turisti visitano numerosi posti meravigliosi scolpiti dall’uomo nella dura roccia salina e vedono diverse macchine a attrezzature minerarie. La guida racconta molte curiosità, tra cui la legenda sulla principessa Kinga alla quale la terra polacca deve la sua ricchezza salina. A metà del percorso i turisti visitano la bellissima cappella dedicata alla sovrana e guardano le opere d’arte che decorano il suo interno. Ascoltano la musica di Chopin che accompagna un meraviglioso spettacolo delle luci presentato alla riva di uno dei laghi salini. Alla fine quando si assaggiano le specialità della trattoria sotterranea, ritornano le forze per camminare lungo il Percorso del Museo delle Saline di Cracovia. Là con i propri occhi si può vedere un corno dell'uro del 1534 incastonato in argento – il Corno della Confraternita di Scavatori, si può vivere un incontro indimenticabile con la storia e si va a conoscere antiche attrezzature minerarie. Il percorso aggiuntivo si traduce in 1,5 km di viaggio nel tempo, che finisce con la salita in superficie con il vero e proprio ascensore minerario.