santa-cesarea-terme

santa-cesarea-terme

Santa Cesarea Terme

73020 Santa Cesarea Terme LE, Italia

by Lara Kipling
113

Overview

L’innegabile magia del posto si può cogliere in tanti differenti aspetti: il lungomare che volge verso un’alta costa rocciosa che lascia senza fiato, le tante antiche ville di stampo liberty che la arricchiscono passeggiando per le vie, le numerose scalinate bianche che collegano le stesse quando si trovano su piani differenti. Sì, perché nonostante si trovi nel Salento, Santa Cesarea Terme sorge su un’alta collina che la rende molto varia, ricca di quei saliscendi tipici dei centri montagnosi. Così, il centro si sviluppa lungo vari strati posti a differenti altezze, capaci di aggiungere ulteriore magia. Le numerose ville risalgono invece a quel turismo arcaico accennato in precedenza, quando, durante la seconda metà dell’Ottocento, i nobili locali cercavano località in cui poter villeggiare durante gli afosi mesi estivi. Santa Cesarea Terme, al pari di altri centri come ad esempio Leuca, fu visto già in quei tempi remoti come la località perfetta per rigenerarsi e così furono loro a far costruire una serie di meravigliose ville. Oggi se ne possono contare una dozzina in ottimo stato, sebbene una volta furono anche molte di più. Il centro storico inoltre presenta anche la Chiesa Madre del Sacro Cuore, antichissima e risalente al Trecento. Nelle campagne circostanti potrete ammirare invece numerosi vigneti e uliveti, terrazzamenti su un mare scintillante di azzurro e bianco, e salendo ulteriormente la collina tra numerosi tornanti, raggiungerete un boschetto di grandi pini dove si trovano anche un piccolo parco giochi per i più piccoli e il Belvedere. Qui ammirerete in un solo sguardo l’intera costa fino a Leuca e, nei giorni in cui il cielo è più terso, sono ben visibili dall’altra parte del mare le alte montagne albanesi che si ergono come fossero l’ingresso in un mondo sconosciuto e fatato. Nella parte più bassa dell’abitato, all’altezza della costa inferiore, si trova invece il rinomato stabilimento termale, attivo fin dalla metà dell’Ottocento, quando furono evidenti le proprietà curative delle sorgenti acque sulfuree che provenivano da quattro cavità nella roccia, sebbene le stesse fossero note già dal Quattrocento. Le acque sgorgano già a temperature considerevoli e differenziando le tecniche permettono di curare numerosi malanni. Le stesse cavità nelle rocce sono una caratteristica della costa, ricca di grotte.